UNISOST, un ecosistema di competenze

testata2

Cos’è l’Università della Sostenibilità?

Unisost è un progetto formativo innovativo dove competenze, esperienze e visioni future si mescolano in un percorso di conoscenza e scambio tra docenti e studenti. L’Università della Sostenibilità forma esperti green con competenze trasversali, figure che il mercato odierno ricerca con grande interesse.

Perché Unisost dovrebbe interessare proprio a me?

Sei un professionista o uno studente, hai seguito un percorso scientifico o umanistico e nella tua realtà professionale e di studio ti confronti giornalmente con i temi della sostenibilità, volendo fare di questo una professione? Unisost è ti permette di imparare ed esperire tutte le aree disciplinari che ruotano intorno alla sostenibilità: economica, innovazione sociale, partecipativa, ambientale e progettazione integrata.

Come ci si iscrive?

Se hai bisogno di più informazioni o se ti vuoi iscrivere, puoi fissare un incontro conoscitivo con Giacomo Petitti, responsabile del progetto, che ti presenterà l’Università e ti aiuterà a capire quale sia il percorso di studio migliore per te. Puoi scrivere a giacomo.petitti@assesta.it

Green jobs e nuove mentalità lungo la Roadmap EU 2050

L’Università della Sostenibilità è stata progettata dell’associazione Economia e Sostenibilità ed è volta ad organizzare corsi di alta formazione, conferenze e laboratori. Nell’attuale momento di immobilità economica e sociale, il settore delle professioni legate alla sostenibilità ambientale e al risparmio energetico è uno dei pochi che conserva dinamismo. I cosiddetti green jobs sono previsti in espansione, seppur con proiezioni molto diverse a seconda degli investimenti.

Non esiste tuttavia in Italia un percorso di alta formazione aperto e interdisciplinare capace di creare le conoscenze e le competenze culturali e operative per adeguare il nostro sistema economico alle sfide ambientali richieste dal pianeta e dalle politiche UE. Il tema delle economie ecologiche viene solitamente proposto puntando o su una visione tecnicistica, o su un approccio limitato ad interventi puntuali, oppure ancora su principi relativi al futuro del pianeta senza che vengano affrontati i nodi teorici e pratici per la loro attuazione.

L’università della sostenibilità di EStà si propone di rispondere alle sfide poste da una realtà sempre più interconnessa e sempre più flessibile, formando professionalità capaci di integrare economia, finanza, scienza naturale, competenze di progettazione, competenze organizzative e riflessioni strategiche. La parola chiave è resilienza.
Un esperto di sostenibilità deve possedere non solo competenze tecniche ma anche trasversali. Deve essere culturalmente biodiverso per poter affrontare i cambiamenti della società, così come gli ecosistemi lo sono per affrontare gli shock ecologici.